LEGO: la passione per i mattoncini colorati !

Prima della nascita della mia grande passione per la Fotografia, la mia infanzia è stata segnata da un'altra grande passione per un gioco che non mi ha mai stancato. Sto parlando dei mitici e famosissimi mattoncini colorati LEGO. Con essi trascorrevo tutti i miei pomeriggi specialmente nelle fredde giornate autunnali e invernali. Avevo una baccinella stracolma di mattoncini, versavo tutto il contenuto sulla tavola della cucina e, accompagnato dal suono della TV, cominciavo ad ideare e costruire qualsiasi cosa mi passasse per la mente. Ogni Natale imploravo i miei genitori di comprarmi nuove confezioni e il gioco non finiva mai, avevo sempre più pezzi per costruire cose nuove e dare libero sfogo alla mia fantasia.

Sono trascorsi oltre 25 anni da quel periodo felice e spensierato della mia giovinezza e un giorno così quasi per caso, mi ritrovai a navigare nel sito internet della LEGO (che ovviamente una volta non esisteva!). Cominciai così a stupirmi di quante cose nuove sono state create e quanto il gioco col tempo sia diventato sempre più bello, evoluto e vario. Ho scoperto inoltre che esistono grandi comunità e club di adulti fanatici ed appassionati di LEGO con i quali costruiscono cose meravigliose come veicoli a motore, modelli impressionanti di case e famose strutture architettoniche, affascinanti castelli, diorami cittadini, astronavi spaziali, ecc... Diciamo che negli anni i mattoncini sono passati da un semplice gioco per bambini fino a diventare un fenomeno quasi virale trovando largo spazio nel campo del collezionismo e modellismo.
Fu così che per pura coincidenza, un po' prima che nascesse mia figlia, a metà del 2010 riscoprii il mondo LEGO in questa nuova veste completamente rinnovata nel tempo e decisamente più evoluta tanto da abbracciare anche il mondo degli adulti. Nell'agosto di quello stesso anno comprai le mie prime due scatole con tema Star Wars e da allora la mia passione è cresciuta sempre di più diventando un collezionista, un vero appassionato e costruttore di MOC.
Per far comprendere un po' di acronimi: gli adulti appassionati di LEGO si chiamano AFOL (Adult Fan Of LEGO), le MOC (My Own Creation) sono invece le creazioni personali partendo da zero, esistono poi i LUG (Lego Users Group) ovvero gruppi di appassionati ufficialmente riconosciuti da LEGO. Con il passare degli anni sono cresciuti sempre più LUG sia in Italia, che in Europa e nel resto del mondo.
La mia passione mi portò nel 2012 ad iscrivermi a ItLUG, la più grande comunity Italiana di appassionati LEGO, nonchè Associazione culturale senza scopo di lucro, e nel 2016 sono perfino entrato a far parte del Consiglio Direttivo di questo grande LUG che vanta oltre 500 soci.

A partire dal 2014 c'è stato un vero boom delle vendite da parte di LEGO e grazie all'uscita nelle sale cinematografiche del primo film della LEGO, moltissime persone hanno avuto nuovamente modo di riavvicinarsi a questo mondo e riscoprire, nonchè rinnovare, l'amore per questo gioco che si trovava nelle case di tutte le famiglie fin dai primi anni '70. Agli inizi del 2015 LEGO diventa il brand più potente e influente del mondo superando marchi prestiosi come Ferrari, Apple, Google, Nike, RedBull...
La grande forza di LEGO è sempre stata l'idea che sta a fondo di tutto: il suo sistema ad incastro. Il suo sistema è universale, quindi qualsiasi scatola comprate, potrete usare i pezzi di quella scatola con pezzi di altre scatole LEGO per costruire qualcos'altro. Pensate che i mattoncini prodotti negli anni '70 si incastrano ancora oggi a distanza di 50 anni... questo sistema rende LEGO un gioco infinito!
In questi ultimi anni l'espansione di questo marchio è inarrestabile e viene da chiedersi come sia possibile tutto ciò, specialmente dopo una crisi economica molto forte che ha vissuto agli inizi del 2000 e che rischiò addirittura la chiusura. Se vi incuriosisce l'intera e travagliata storia del successo della LEGO vi consiglio di andare a visitare questo link che ripercorre tutte le tappe del marchio fin dalla sua nascita nel 1932 grazie al falegname e carpentiere Ole Kirk Kristiansen: la storia di LEGO.

Questo però non è che l'introduzione a come sono arrivato a riscoprire il mondo dei mattoncini e diventare quello che sono oggi, riconosciuto da tutti gli amici con il soprannome di "SDRnet"! Quindi se volete saperne di più vi consiglio di visitare tutte le altre pagine elencate qui sotto.




















 

Torna indietro